Prenota online

Il Parco delle Orobie Bergamasche

Sentieri e rifugi  di straordinaria bellezza nella splendida cornice di una natura assolutamente incontaminata
animal-blur-brown-206819_1

Il Parco delle Orobie Bergamasche si estende su una superficie di 70.000 ettari con il compito di tutelare e conservare l’ambiente naturale, il paesaggio e la biodiversità. Si tratta di segni importanti del recupero ambientale di un territorio che si trova a poco più di un’ora d’auto dalla città. Innumerevoli sono gli itinerari naturalistici come il grande Sentiero delle Orobie o l’itinerario per il Sentiero dei Fiori che si snoda sui fianchi della Arera. Molto suggestivo è anche il Sentiero naturalistico Curò che si snoda in alta quota tra i monti della Valle di Scalve. Molto noto è inoltre il sentiero che daValbondione consente di raggiungere l’anfiteatro di rocce dove si può assistere, secondo un calendario stabilito di anno in anno, allo spettacolare salto delle cascate del fiume Serio, le più alte d’Europa

Per vivere al meglio un itinerario nel verde, ecco il Sentiero delle Orobie che, diviso in Orobie Occidentali e Orientali, tocca i maggiori rifugi della zona. In Val Seriana, salendo a piedi o in rampichino oltre il Rifugio Curò, a 1900 metri di quota, fino al lago naturale del Barbellino è facile incontrare le marmotte o scorgere gruppi di camosci in corsa. E che dire del rifugio Coca e del suo laghetto, dall’acqua color cobalto, di indimenticabile bellezza? E ancora..affascinanti le ascese lungo le pareti dolomitiche della Presolana, forse la più bella montagna bergamasca, per arrivare al Passo della Presolana che unisce Valle Seriana e Valle di Scalve. Qui ci si può inoltrare in passeggiate verso il suggestivo Rifugio Albani. Passeggiate per tutti: per la famiglia che ricerca facili percorsi, per l’ alpinista che si vuole misurare con vie davvero impegnative.

Atalanta bergamasca calcio
sponsor supporter
Aspettiamo i vostri amici
a 4 zampe - pet friendly hotel